sublimina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size






  research gate


omino_logo_sublomina


La Conoscenza è come una linea, dove sono i confini non ci è dato di saperlo.

Sublimina.it è un viaggio personale nel mondo del pensiero umano. Per raggiungere ogni meta c'è una via ed ogni via ha un ingresso. Questa è la mia porta personale, l'ho appena aperta. Ognuno ha la sua porta, qualche volta si ha bisogno, però, di intravedere cosa c'è al di là della porta altrui per mirare l'altrove che sta dietro la propria.  Ispirato da: Franz Kafka, Il processo (1925)


D. Hofstadter - Anelli nell'io

E-mail Stampa PDF

Douglas Hofstadter -  Anelli nell'io"Anelli nell'io", traduzione italiana del saggio di Douglas Hofstadter "I am a strange loop" è un altro capolavoro dello scienziato cognitivista, che può essere interpretato come una summa dei suoi studi ed un completamento all'opera geniale che lo ha reso famoso: Godel, Escher, Bach, un eterna ghirlanda brillante. Dopo circa trenta anni Hofstadter torna su alcuni argomenti affrontati in GEB, come lo chiamano i fan, e affronta nuovi temi direttamente collegati a quanto esaminato in precedenza. Anche se i computer non occupano più intere stanze delle università, ma sono ormai dappertutto ed in qualsiasi oggetto quotidiano, anche se gli studi sul cervello e le neuro immagini hanno raggiunto prestazioni senza precedenti, alcuni misteri sullo stesso cervello, sulla coscienza e sull'anima o un suo surrogato biologico sono rimasti insoluti. Probabilmente, anzi certamente, alcune riflessioni profonde sul senso ultimo, sul "io" e sulla coscienza sono rafforzate dalla prematura perdita della moglie Carol che Hofstadter amava immensamente. In Anelli nell'Io, conservando la sua maestria creativa, la sua fantasia inimitabile, rivisita i risultati di Kurt Godel e le possibili interpretazioni nonché conseguenze. Inoltre, proprio prendendo spunto da Godel e dallo strano anello che egli stesso ha generato ricodificando le asserzioni formali sull'aritmetica, rilancia con vigore l'idea di un anima come una infrastruttura astratta che si ripiega su se stessa, un anello appunto, come quando inquadriamo con una cinepresa lo schermo del televisore che sta proiettando le immagini della cinepresa stessa. I batteri hanno un anima? E gli animali hanno un anima? I Robot e i sistemi artificiali? Le argomentazioni risultano estremamente interessanti, poiché con la sua maestria il cognitivista Douglas Hofstadter mostra come nel pensiero umano vi sia un proliferare di questi anelli che a suo pensare sono i fattori essenziali per la presenza di un "io" che percepisce un "io". Attraverso invenzioni lessicali, analogie creative, paradossi spumeggianti e livelli semantici crescenti Anelli nell'io risulta gradevole e scorrevole anche quando gli argomenti sono notevoli e complessi.

Hanno detto..

You are here: Letture Scelte D. Hofstadter - Anelli nell'io